Home arrow Briciole per l'anima
 
Home
Parrocchia
Contatti
Orario Sante Messe
Momenti di preghiera
Confessioni
Calendario mensile
Calendario pastorale
Appuntamenti e avvisi
Comunicazioni del parroco
Oggi in parrocchia
Documenti
Foto vita parrocchiale
Sguardi di bellezza
Arte e storia
Volti di ieri e di oggi
Giubileo Modigliana
Le nostre valli
Comunità e luoghi religiosi
Città di Modigliana
Passi nello spirito
Idee e riflessioni
Briciole per l'anima
Frase del giorno
Video per riflettere
L'angolo del sorriso
Avvisi dalla diocesi
APPARTAMENTO STORICO DEL VESCOVADO
_____MU.VE_____ MUSEO DI ARTE MODERNA
Comitato di amicizia
 
Briciole per l'anima
Briciola 30-8-2017
30/08/2017
PAPA FRANCESCO SIU GIOVANI:"I giovani che non cercano nulla non sono giovani, sono invecchiati prima del tempo. È triste vedere dei giovani in pensione". Lo ha sottolineato papa Francesco durante l'udienza generale in piazza San Pietro, commentando i brani evangelici sulla chiamata dei primi discepoli di Gesù. "Che giovinezza è - ha sottolineato ancora - una giovinezza soddisfatta, senza una domanda di senso?".
"E Gesù, attraverso tutto il Vangelo - ha proseguito il Papa -, in tutti gli incontri che gli capitano lungo la strada, appare come un incendiario dei cuori. Da qui quella sua domanda che cerca di far emergere il desiderio di vita e di felicità che ogni giovane si porta dentro: 'che cosa cerchi?'". "Anche io vorrei chiedere ai giovani qui in piazza e a quelli che ascoltano attraverso i media - ha quindi aggiunto a braccio -: tu che sei giovane che cosa cerchi? Che cosa cerchi nel tuo cuore?"

Secondo il Papa, "Gesù, attraverso tutto il Vangelo, in tutti gli incontri che gli capitano lungo la strada, appare come un 'incendiariò dei cuori". "Da qui - ha spiegato - quella sua domanda che cerca di far emergere il desiderio di vita e di felicità che ogni giovane si porta dentro: 'che cosa cerchi?', una domanda di senso".
"La vocazione di Giovanni e di Andrea - ha osservato Francesco - parte così: è l'inizio di un'amicizia con Gesù talmente forte da imporre una comunanza di vita e di passioni con Lui. I due discepoli cominciano a stare con Gesù e subito si trasformano in missionari: tant'è vero che i loro rispettivi fratelli, Simone e Giacomo, vengono presto coinvolti nella sequela. Fu un incontro così toccante, così felice che i discepoli ricorderanno per sempre quel giorno che illuminò e orientò la loro giovinezza".

Leggi tutto l'articolo
 
Le cronache ...del GREST
15/06/2015
A conclusione del GREST parrocchiale, i nostri bambini con i loro animatori, vi propongono un bello spettacolo al teatro dei Sozofili. La presenza delle famiglie, oltre a onorre i bambini, sarà un segno di un collegamante educativo fondamentale: quello tra parrocchia e famiglie. Perciò vi aspettiamo!

 
auguri pasquali 2015
30/03/2015

"La gente è affamata d'amore perché siamo troppo indaffarati, aprite i vostri cuori oggi, nel giorno del Signore risorto, e amate come non avete mai fatto. Non dimenticare mai quanto sia importante e totalizzante amare… Abbiamo il potere di essere in Paradiso già da ora, di essere felici con Lui in questo momento, se amiamo come lui ci ama, se aiutiamo come Lui ci aiuta, se doniamo come Egli dona, se serviamo come Egli serve" (Madre Teresa di Calcutta)

"La Santa Pasqua è sempre un'occasione dove l'amore, la pace e la serenità si uniscono in nome di Gesù nostro Salvatore. Nessuna distanza e niente nel creato potrà separarci dall'amore di Dio. Perché tu possa sentire la Sua onnipotente presenza in ogni momento della tua vita. 

Buona Pasqua.

 

Auguri sinceri e affettuosi, don Massimo

 
Ogni famiglia ha bisogno del padre.
26/03/2015
Ogni famiglia ha bisogno del padre. Oggi ci soffermiamo sul valore del suo ruolo, e vorrei partire da alcune espressioni che si trovano nel Libro dei Proverbi, parole che un padre rivolge al proprio figlio, e dice così: «Figlio mio, se il tuo cuore sarà saggio, anche il mio sarà colmo di gioia. Esulterò dentro di me, quando le tue labbra diranno parole rette» (Pr 23,15-16). Non si potrebbe esprimere meglio l'orgoglio e la commozione di un padre che riconosce di avere trasmesso al figlio quel che conta davvero nella vita, ossia un cuore saggio. Questo padre non dice: "Sono fiero di te perché sei proprio uguale a me, perché ripeti le cose che dico e che faccio io". No, non  gli dice semplicemente qualcosa. Gli dice qualcosa di ben più importante, che potremmo interpretare così: "Sarò felice ogni volta che ti vedrò agire con saggezza, e sarò commosso ogni volta che ti sentirò parlare con rettitudine. Questo è ciò che ho voluto lasciarti, perché diventasse una cosa tua: l'attitudine a sentire e agire, a parlare e giudicare con saggezza e rettitudine. E perché tu potessi essere così, ti ho insegnato cose che non sapevi, ho corretto errori che non vedevi. Ti ho fatto sentire un affetto profondo e insieme discreto, che forse non hai riconosciuto pienamente quando eri giovane e incerto. Ti ho dato una testimonianza di rigore e di fermezza che forse non capivi, quando avresti voluto soltanto complicità e protezione. Ho dovuto io stesso, per primo, mettermi alla prova della saggezza del cuore, e vigilare sugli eccessi del sentimento e del risentimento, per portare il peso delle inevitabili incomprensioni e trovare le parole giuste per farmi capire. Adesso - continua il padre -, quando vedo che tu cerchi di essere così con i tuoi figli, e con tutti, mi commuovo. Sono felice di essere tuo padre". È così ciò che dice un padre saggio, un padre maturo.
PAPA FRANCESCO
 UDIENZA GENERALE

Aula Paolo VI
Mercoledì, 4 febbraio 2015

La Famiglia - 3Bis Padre (II)

 
Cibo / 1
14/03/2015
'Mangiare e fare festa' sono due azioni spesso associate. Diciamo: il cibo è simbolo di festa, di convivialita , di amicizia. Mangiare da soli o mangiare in compagnia non è la stessa cosa, molto meglio se si 'condiscono' i cibi con le parole  e la presenza di un altro accanto a noi. Parlare di 'buon cibo' significa allora parlare anche di 'buone relazioni'. Impegniamoci a rendere la nostra casa accogliente. Come impegno di quaresima, perché non organizziamo un bel pranzo  e invitiamo qualcuno, magari un povero o una persona sola, a mangiare con noi?
 
silenzio/1
11/03/2015
Se davvero osserverai il silenzio, quale sia il luogo dove ti trovi, troverai pace' (detto dei Padri del deserto) La realtà del silenzio è così inusuale alla nostra esperienza che quasi ci fa paura, perchè non lo conosciamo più. Eppure è una realtà carica di mistero divino e umano. Vogliamo provare ad approfondirlo un po' e contioniueremo a parlarne. Tu hai qalocosa da dirci sul silenzio? Ci da veramente pace? L

 
ADORAZIONE
28/02/2015
Essa consiste nello stare davanti a Dio, nell'offrirgli la propria presenza, il proprio essere corpo e spirito, e nel fare questo  con semplicità e gratuità fino a poter dire al Signore: " Io sto davanti a te. Tu sei il Signore vivente e presente". Da questa consapevolezza sgorga la lode ed il rendimento di grazie, il canto del magnificat...
 
I FIGLI
13/02/2015
Ricordo mia mamma che diceva di noi - eravamo cinque -: "Ma io ho cinque figli". Quando le chiedevano: "Qual è il tuo preferito, lei rispondeva: "Io ho cinque figli, come cinque dita. Se mi picchiano questo, mi fa male; se mi picchiano quest'altro, mi fa male. Mi fanno male tutti e cinque. Tutti sono figli miei, ma tutti differenti come le dita di una mano". E così è la famiglia! I figli sono differenti, ma tutti figli.

Un figlio lo si ama perché è figlio: non perché bello, o perché è così o cosà; no, perché è figlio! Non perché la pensa come me, o incarna i miei desideri. Un figlio è un figlio: una vita generata da noi ma destinata a lui, al suo bene, al bene della famiglia, della società, dell'umanità intera. (papa Francesco)



 
LE 10 CURE Secondo papa Francesco
07/02/2015
1)     curare la vita spirituale
2)     curare la vita famigliare
3)     le opere buone verso gli altri
4)     un buon parlare
5)     perdonare e usare misericordia
6)     fare bene il proprio lavoro
7)     avere mentalità costruttiva
8)     avere un animo lieto
9)     tenerezza verso il povero
10)   le feste cristiane come sentirsi amati e accolti dal Signore

 
15 MALATTIE SPIRITUALI secondo papa Francesco - (dal discorso alla curia romana per il Natale 2015)
05/02/2015
1)     Sentirsi immortali (come indispensabili)
2)     Il ‘martalismo' (cioè il solo fare)
3)     L' ‘Impietrimento' (è l'insensibilità umana)
4)     Funzionalismo (puntare alla sola pianificazione)
5)     Cattivo coordinamento (ognuno fa da sé)
6)     L' "alzheimer spirituale" (dimenticare il primo amore con il Signore)
7)     Rivalità e vanagloria
8)     " Schizofrenia" esistenziale (avere una doppia vita)
9)     Chiacchiere, mormorazioni, pettegolezzi
10)   Divinizzare i capi (per un proprio carrierismo)
11)   Indifferenza verso gli altri
12)   Faccia funerea (troppa seriosità)
13)   Accumulare beni (dai soldi alle cose)
14)   I "circoli chiusi" (conta solo il mio gruppo)
15)   Esibizionismo


 
Buon Anno buono
03/01/2015
Facciamoci gli auguri di cuore. Facciamoci gli auguri per un nuovo anno pieno di tante cose belle. Facciamoci gli auguri di un buon anno buono. Infatti è importante che ciascuno di noi prenda l'impegno di vivereo in modo buono, allora ci sarà più speranza per tutti. Proviamo a prendere l'impegno di guardare agli altri come fratelli e non come rivali. Proviamo a prendere l'impegno di rinunciare alle furbizie che ingannano gli altri e ci illudono di creare vantaggi. Il vero vantaggio è di vivere per un bene che sia a vanatggio di tutti e non uno sopra l'altro.  Buon anno 2015 buono.
 
auguri
27/12/2014
Fare gli auguri è auspicare un bene per la persona a cui si rivolgono. Si spera il meglio per quella persona. Si spera un bene sommo, che forse ora nemmeno conosciamo. Noi crediamo che negli auguri si invochi l' Altissimo. Colui che ci conosce e sa qual'è il nostro bene. Farsi gli auguri è allora, perchè no, una preghiera scambievole.
Allora auguri a te, lettore amico. Che Dio ti benedica per un nuovo anno!
 
<< Inizio < Pros. 1 2 3 4 Prec. > Fine >>

Risultati 1 - 12 di 38
 
AGESCI
ANSPI
Azione Cattolica
Oratorio ACR
Catechisti, educatori...
Catechismo Sacramenti
Cammini di fede giovani
Incontri adulti e genitori
Gruppi caritativi
Pietre Vive Modigliana
Ministeri
Ultimi contenuti

Abbiamo 1 visitatore online
 
Sito realizzato con Joomla! - Copyright 2017 Parrocchia di Modigliana