Home
 
Home
Parrocchia
Contatti
Orario Sante Messe
Momenti di preghiera
Confessioni
Calendario mensile
Calendario pastorale
Appuntamenti e avvisi
Comunicazioni del parroco
Oggi in parrocchia
Documenti
Foto vita parrocchiale
Sguardi di bellezza
Arte e storia
Volti di ieri e di oggi
Giubileo Modigliana
Le nostre valli
Comunità e luoghi religiosi
Città di Modigliana
Passi nello spirito
Idee e riflessioni
Sottolineature
Briciole per l'anima
Video per riflettere
L'angolo del sorriso
Avvisi dalla diocesi
APPARTAMENTO STORICO DEL VESCOVADO
_____MU.VE_____ MUSEO DI ARTE MODERNA
Comitato di amicizia
 
BRICIOLA 18-7-2020
18/07/2020
Il bene c’è e cresce senza far rumore. Gesù sceglie di presentare il bene come qualcosa non di astratto ma come un seme o del lievito. Sono immagini di vitalità e di forza. La forza del seme è capace di spostare il cemento annidandosi nelle sue fessure. Il bene è forte in sé. Esso attrae e affascina. Gesù sceglie immagini non eclatanti come una banda che passa. Presenta il bene con immagini di nascondimento. Il bene c’è ma non fa rumore nel momento che agisce. Il bene c’è e se ne accorgeranno coloro che godranno del suo servizio. Il bene opera meraviglie che si vedranno un giorno, più avanti. Il bene c’è e lavora ‘di notte’ non per farsi vedere, applaudire…ma solo per esserci e fare. 
 Commenti (1)Add Comment
...
Scritto da davide, 18 luglio 2020, 14:44
Il Signore ha chiamato a sé, tra tanti uomini e donne del mondo, Jean Vanier, fondatore di una comunità favolosa che si occupa di convivere e assistere tanti uomini e donne portatori di handicap e non solo, in tutto il mondo e particolarmente in Francia dove è nata. Fin dagli anni ‘’80 mi ha affascinato ... soprattutto per il suo mettersi in gioco in prima persona rinunciando ad una vita più che brillante, da laico, non da monaco o da sacerdote, ma da semplicissimo uomo libero capace di fare della sua vita una vita donata e condivisa......nel silenzio ....un umile BENE senza clamore. Ecco, questo è l’aspetto che me lo rendeva affascinante: la libertà interiore per vivere un servizio al quale sentiva di essere chiamato da una forza interiore così grande che credo che nemmeno lui sapesse quale sarebbe stato poi il cammino che avrebbe fatto e quale testimonianza avrebbe dato al mondo. Quanto è difficile trovare nella chiesa e nella società questa libertà interiore. In genere tutti la vogliono per sé ma difficilmente permettono agli altri di averla. Essere liberi è una azione dello Spirito, è la certezza della presenza del Signore nella tua vita, è avere un Sogno che si chiama Amore, che si chiama volto umano, che si chiama bisogno degli altri, di tutti gli altri, comunque siano fatti nel corpo o nello spirito, del loro colore della pelle o degli occhi, dei loro soldi in tasca o della loro tenda sotto i ponti, quegli altri che sono quella componente essenziale del mio essere persona umana e che per tutta la vita mi fa sentire una incompletezza profonda che in fondo si chiama…Resurrezione. Un cristiano la chiama così, una monaca la chiama conversione, una mamma di famiglia la chiama maternità, un non credente forse la chiama più semplicemente ricerca più o meno scientifica e filosofica con la voglia di vivere tutto il possibile e l’impossibile attraverso l’uso della ragione. Ma in tutti c’è un comune denominatore: bisogno di libertà. Quasi che l’essere costretti dentro un corpo che ha i giorni contati, più o meno lunghi, ti metta dentro una sete infinita di qualcosa che nemmeno tu sai definire. Io l’ho chiamata tante volte con tanti nomi, tante situazioni, tante esperienze personali e comunitarie, ma non è finita. E’ come un palazzo perennemente in costruzione; a volte ci sono terremoti che lo buttano a terra o che lasciano delle lesioni tra le pareti delle stanze, a volte improvvisamente non hai i soldi per andare avanti e ti devi fermare: ma hai sempre bisogno di quella Casa, hai bisogno di costruirla, di rimetterla in piedi o di andare avanti nel progetto di quella costruzione. Questo è il mio Sogno: Risorgere per finire questa Casa che qualcuno mi ha affidato quando nel Suo pensiero eterno ha pensato a me e mi ha dato una vita da vivere su questo pianeta.......

 Scrivi un commento
quote
bold
italicize
underline
strike
url
image
quote
quote

security code
Trascrivi nello spazio sottostante i caratteri che appaiono nella riga qui sopra e procedi all’invio del commento, ma tieni presente che questo vuole essere uno spazio di confronto positivo, quindi eventuali messaggi con spirito polemico o contenenti offese, insulti o termini non consoni allo spirito del sito saranno rimossi.


busy
 
< Avanti   Indietro >
 
AGESCI
ANSPI
Azione Cattolica
Oratorio ACR
Catechisti, educatori...
Catechismo Sacramenti
Cammini di fede giovani
Incontri adulti e genitori
Gruppi caritativi
Pietre Vive Modigliana
Ministeri
Ultimi contenuti

 
Sito realizzato con Joomla! - Copyright 2020 Parrocchia di Modigliana