Home arrow Io penso positivo arrow RIVOLUZIONE DELLA TENEREZZA
 
Home
Parrocchia
Contatti
Orario Sante Messe
Momenti di preghiera
Confessioni
Calendario mensile
Calendario pastorale
Appuntamenti e avvisi
Comunicazioni del parroco
Oggi in parrocchia
Documenti
Foto vita parrocchiale
Sguardi di bellezza
Arte e storia
Volti di ieri e di oggi
Giubileo Modigliana
Le nostre valli
Comunità e luoghi religiosi
Città di Modigliana
Passi nello spirito
Idee e riflessioni
Briciole per l'anima
Frase del giorno
Video per riflettere
L'angolo del sorriso
Avvisi dalla diocesi
APPARTAMENTO STORICO DEL VESCOVADO
_____MU.VE_____ MUSEO DI ARTE MODERNA
Comitato di amicizia
 
La redazione si riserva di rimuovere gli interventi non conformi allo spirito della rubrica.
RIVOLUZIONE DELLA TENEREZZA
03/10/2017
E' un tema caro a papa Francesco e ce lo ha riporposto nel suo viaggio a Cesena (1-10-2017). Ripropongo un passo del discorso.
E' necessario riservare adeguato spazio alla preghiera e alla meditazione della Parola di Dio: la preghiera è la forza della nostra missione – come più recentemente ci ha dimostrato anche santa Teresa di Calcutta. L’incontro costante con il Signore nella preghiera diventa indispensabile sia per i sacerdoti e per le persone consacrate, sia per gli operatori pastorali, chiamati ad uscire dal proprio “orticello” e andare verso le periferie esistenziali. Mentre la spinta apostolica ci conduce ad uscire – ma sempre uscire con Gesù –, sentiamo il bisogno profondo di rimanere saldamente uniti al centro della fede e della missione: il cuore di Cristo, pieno di misericordia e di amore. Nell’incontro con Lui, veniamo contagiati dal suo sguardo, quello che posava con compassione sulle persone che incontrava nelle strade di Galilea. Si tratta di recuperare la capacità di “guardare”, la capacità di guardare! Oggi si possono vedere tanti volti attraverso i mezzi di comunicazione, ma c’è il rischio di guardare sempre meno negli occhi degli altri. È guardando con rispetto e amore le persone che possiamo fare anche noi la rivoluzione della tenerezza. E io invito voi a farla, a fare questa rivoluzione della tenerezza. 
 Commenti (2)Add Comment
...
Scritto da don Massim, 14 ottobre 2017, 08:04
grazie di questo bellissimo commento...al nostro essere figli di questa terra e figli di Dio
...
Scritto da c., 09 ottobre 2017, 22:27
• BLOG • L'ANGOLO DEL TEOLOGO • LE LETTERE DI MADDALENA
Bellissimo..l'invito a fare la rivoluzione della tenerezza...basta poco.....come spunto desidero condividere con voi queste riflessioni.....
Appena tornata dal mare, ieri sera contemplavo il mio piccolino abbronzato che trotterellava per casa in pigiamino. Con quell’aspetto “un pochino morbido e liscio”, e un po’ grassottello. Viene spesso in braccio dalla mamma, a “farsi fare le coccole”. Sono momenti unici, e non c’è volta che non ringrazi Dio per il dono che mi ha fatto. Guardavo i suoi piedini, con le dita piccole, regolari. Sono un capolavoro, i piedini dei bambini. Mi soffermavo sui suoi capelli ribelli, talmente dritti che stanno in piedi nonostante i vani tentativi della mamma di tenerli piatti.
Amore mio. Quanto ti amo.
Un’amica cara mi diceva che quando parlo del mio terzo figlio sembra che lo descriva come un bambino di due anni. Mi ha fatto ridere questa affermazione. Mi ha fatto anche riflettere. E’ un po’ vero. C’è un lato tipico di noi, che vorremmo che i bambini rimanessero così, teneri e innocenti, limpidi e puri. La battuta mi ha aiutato a capire. Gesù ama i bambini. Li lascia accorrere a sé, per amarli e accarezzarli. Ci chiede di essere come loro.
E poi… Lui è stato bambino.
Penso a Maria. Penso a questo nostro Dio che ha deciso di avere bisogno di Lei, per avere tutta la tenerezza possibile. Per “farsi fare le coccole.” Per farsi consolare.
Penso a Gesù da piccolo. Chissà se anche Lui attirava un finto sguardo serio quando giocava a fare le bolle di saliva (tutti i bimbi lo fanno, questa è una verità che assume le connotazioni di dogma). Penso a Gesù che le volava in braccio per farsi accarezzare i capelli. Penso alla Madonna che fermava lo sguardo sulla linea delle sue sopracciglia, seguendole con il polpastrello.
Penso al Bambino che metteva le manine nella pappa, rovesciando la scodella.
Penso ai suoi occhioni supplichevoli, quando chiedeva di stare sveglio un po’ di più, la sera, per giocare.
La tenerezza non passa solo attraverso le mamme, però.
Penso anche a Giuseppe. Così uomo, così santo. E anche così tenero: con la commozione negli occhi partecipava a tutto quell’amore. Mi immagino che si incantasse a guardare Maria e Gesù addormentati vicini, e li coprisse, perché non avessero freddo.
Penso alla tenerezza della Madonna per Giuseppe. Quell’amore puro che lascia spazio a una grande ammirazione. Non esiste donna, sulla faccia della terra, che non ami pazzamente il proprio uomo quando si intenerisce, per quanto forte e solido e sicuro sia.
Il Nostro Dio ha avuto bisogno di tenerezza nascosta, familiare, intima. Ha voluto averne bisogno. Ha voluto avere Maria, che Gli insegnasse il linguaggio, fatto di nomignoli, di silenzi ,di ascolto e soprattutto di sguardi. Gli sguardi di Gesù, che fanno scoppiare in lacrime Pietro, e anche noi, tutte le volte che ci lasciamo sorprendere.
Perché la tenerezza è il lato disarmante dell’amore, e tutti, tutti gli uomini e donne su questa terra ne hanno un disperato bisogno.
Amo questo Papa, cha ha capito il cuore dell’uomo e soprattutto ha mostrato…il cuore di Dio.
Come avvengono le conversioni, normalmente? Parlo per esperienza diretta, e mi sento di dire che sono gli sguardi, le carezze, le parole affettuose, gli abbracci inaspettati, a cambiare le persone. In una parola, c’è l’Incontro. Può essere anche una parola del Vangelo, che ti mostra quanto si possa essere amati e…capiti. O può essere una Confessione …disarmante. Perché alla base della tenerezza c’è il meraviglioso messaggio implicito che ti fa capire che tu sei amato così, per quello che sei, sei capito anche e soprattutto in quegli aspetti che ti sei sforzato di tenere nascosti, perché pensi possano rivelare la tua fragilità. Quando constati che questa tua fragilità si è svelata, che tu sei nudo, e non hai più corazze, armature, perché l’amore le ha oltrepassate, e sei amato gratuitamente, senza merito, allora inizia la conversione. Il bambino vola in braccio alla sua mamma perché sa che lei lo comprende, intuisce i suoi bisogni e le sue necessità senza che ci sia bisogno di spiegarle. Se l’uomo, distrutto dalle sue ferite e dai suoi peccati, si lascia conquistare e disarmare, si abbandona, proprio come fa il piccolo…è fatta. L’uomo che si converte, piange. Non teorizza, non disquisisce . Piange, invece. Si fa abbracciare.
Il Papa insiste, sulla tenerezza, come via che apre le porte del Cielo. Si china sull’uomo, per tendergli la mano con un sorriso. Quel sorriso che ti dice “io ti amo, ti capisco, sono qui. Per te”.
.Il cuore indurito sembra non avere pertugi. E’ la tenerezza che stravolge gli schemi, riporta l’uomo a quello che è: il bambino che cerca la carezza del Padre.

 Scrivi un commento
quote
bold
italicize
underline
strike
url
image
quote
quote

security code
Trascrivi nello spazio sottostante i caratteri che appaiono nella riga qui sopra e procedi all’invio del commento, ma tieni presente che questo vuole essere uno spazio di confronto positivo, quindi eventuali messaggi con spirito polemico o contenenti offese, insulti o termini non consoni allo spirito del sito saranno rimossi.


busy
 
< Avanti   Indietro >
 
AGESCI
ANSPI
Azione Cattolica
Oratorio ACR
Catechisti, educatori...
Catechismo Sacramenti
Cammini di fede giovani
Incontri adulti e genitori
Gruppi caritativi
Pietre Vive Modigliana
Ministeri
Ultimi contenuti

 
Sito realizzato con Joomla! - Copyright 2017 Parrocchia di Modigliana